Gara di Potatura

Campionati Regionali

    I Campionati Regionali

    Dopo aver stabilito le regole della potatura semplificata dell'Olivo allevato a Vaso Policonico da Terra si è reso necessario andare oltre i Corsi organizzati in tanti anni. Quindi una necessità e una opportunità di confronto data a tutti i partecipanti.

I Campionati Regionali di Potatura dell’Olivo allevato a Vaso Policonico rappresentano un momento di confronto a conclusione di percorsi formativi annualmente intrapresa dalla Scuola di Potatura dell’Olivo (www.scuolapotaturaolivo.it) in gran parte del territorio olivicolo nazionale. Le iniziative, a dimostrazione della diversità territoriale del settore, interessano ogni Regione con l’obiettivo di coinvolgere professionisti del settore, hobbisti, tecnici ed ogni altra tipologia di addetti, nella padronanza e nella divulgazione dei principi basilari per la corretta esecuzione della potatura.

La proposta riguarda essenzialmente la semplificazione della tecnica con rapidi ed essenziali interventi annualmente eseguiti senza penalizzare il potenziale produttivo degli alberi ed anche riducendo i tempi di lavoro. Le operazioni potranno essere eseguite direttamente da terra grazie all’ampia ed innovativa gamma di attrezzature manuali, elettriche e pneumatiche dotate di prolunga telescopica che consentono di evitare l’uso delle scale causa fonte, spesso, di gravi infortuni sul lavoro.

Organizazione gare dal 2002, divulgazione Corsi di Formazione dal 1990 a cura di Giorgio Pannelli
Partecipazione delle fortissime donne al Concorso Nazionale

    La manifestazione è nata da un progetto ideato e realizzato dai citati organizzatori (nelle persone di Barbara Alfei - Assam Marche, Giorgio Pannelli - direttore scientifico dei Corsi e delle Gare, leggi currriculum>  oggi direttore della Scuola di Potatura Olivo - e dello scomparso e compianto Antonio Ricci, direttore scientifico di Olio e Olivo, giornalista, agronomo esperto e dirigente di organizzazioni economiche nel settore agricolo) che si sono resi interpreti  della necessità di sensibilizzare, a livello nazionale, quanti operano in olivicoltura.

Nell' anno 2002 vede la luce il primo campionato italiano. Le regole sono semplici e la difficoltà sta nell'applicarle in un tempo definito (10minuti) su tre piante (quindi 30 minuti), vedi sezione Regole di Gara.
E' dato l'accesso ai Campionati organizzati nella propria regione a tutti i partecipanti che hanno frequentato un Corso Base (meglio se hanno praticato almeno un anno in oliveti); i più bravi andrano avanti verso il Campionato Nazionale.

Premiazione Campione Italiano

    Nelle diverse edizioni del campionato si è instaurato un confronto fra olivicoltori e tecnici per affermare e divulgare i principi fondamentali che devono essere adottati per una equilibrata potatura delle piante. Una opportunità che si rinnova da sedici anni e che ha assunto, e tutt'ora assume, un ruolo di momento catalizzatore per affinare ulteriormente la tecnica della potatura.


I finalisti dei ogni regione competono al Concorso Nazionale: qui i finalisti di un concorso

    Regole di Gara

a) Ogni partecipante al Campionato dovrà dotarsi di attrezzatura propria per l’esecuzione dei tagli.
b) È ammessa solo attrezzatura manuale ( forbici, seghetto e svettatoio. Non è permesso l’uso di altra attrezzatura agevolata da dispositivi elettrici, pneumatici o a motore) e la potatura avverrà con operazioni effettuate da terra.

Prova richiesta: potatura di produzione/riforma a Vaso Policonico.
Ogni partecipante dovrà operare su tre piante adulte in un tempo massimo di 30 minuti (10 minuti per pianta).
La prova è valutata da una Giuria presieduta dal Giorgio Pannelli (CRA - OLI, Spoleto), composta da tecnici e giudici della Scuola di Potatura Olivo.

Parametri valutati dalla Giuria sui quali verrà stilata la Classifica finale
                    1. Conformazione della cima (punteggio da 0 a 4)
                    2. Equilibrio tra le branche primarie (punteggio da 0 a 4)
                    3. Numero e disposizione delle branche secondarie (punteggio da 0 a 4)
                    4. Equilibrio vegeto-produttivo (punteggio da 0 a 4)
                    5. Rispondenza alla conformazione ideale (punteggio da 0 a 4)

Punteggio minimo è 36/60, punteggio massimo 60/60.

Se parità di punteggio verrà considerato il fattore tempo.

    Il campionato rappresenta un momento di confronto di elevato livello fra "cultori della potatura" che sono arrivati al traguardo finale dopo aver superato le competizioni selettive dei vari campionati regionali che vengono organizzati nella maggior parte delle aree olivicole della penisola e delle isole.
    Una partecipazione, quindi, di elevata professionalità e sempre più agguerrita, che è la testimonianza di un percorso non sempre facile avviato nel 2002 dagli organizzatori con il preciso obiettivo di coinvolgere istituzioni pubbliche e private e categorie professionali nel promuovere iniziative territoriali nei confronti di olivicoltori, tecnici, hobbisti  per trasmettere e divulgare quei principi basilari che devono essere applicati per una corretta pratica della potatura.
    I risultati ottenuti, da ritenere positivi, richiedono però ulteriori azioni rivolte a divulgare "l’arte della potatura" con l’istituzione di corsi la cui didattica teorica e pratica deve avere una sua continuità nel tempo e non limitata al solo periodo formativo.

    Ecco perché la Scuola offre un iter formativo serio articolato in tre punti: a) partecipazione al Corso Base (che da accesso alla Gara di Potatura). Partecipando anche al b) Corso avanzato (giornate di confronto e di risoluzione di dubbi tra potatori 'esperti') si potrà richiedere gratuitamente e per sempre l'iscrizione all'elenco nazionale dei Potatori certificati. (requisito minimo è c) l'ottenimento di un punteggio minimo di 45/60 ad una gara, vedi sezione dedicata).

Momenti di Gara

Read more...

Gare di Potatura

    La necessità delle GARE di POTATURA

    Dopo aver stabilito le regole della potatura semplificata dell'Olivo allevato a Vaso Policonico da Terra si è reso necessario andare oltre i Corsi organizzati in tanti anni. Quindi una necessità e una opportunità di confronto data a tutti i partecipanti.

Le Gare di potatura non sono nate per creare una competizione fine a se stessa ma, come detto prima, di concedere ai vari professionisti e amanti dell'olivo un momento di confronto che vuole essere costruttivo.

Durante le nostre gare non ci sono sconfitti , ricordiamoci sempre cosa disse un grande personaggio che ha cambiato la storia:

"IO NON PERDO MAI. O VINCO O IMPARO!Nelson Mandela

Le Gare di potatura vengono organizzate in ogni regione e in seguito solo i primi 3 classificati al Campionato Regionale della regione di appartenenza potranno partecipare al Campionato Nazionale.

In seguito una attentissima e preparatissima giuria valuterà le piante potate (con l'utilizzo di strumenti manuali di ogni genere ma manuali, no elettrici, a motore, ecc., ...) da terra dai vari concorrenti (e-s-c-l-u-s-i-v-a-m-e-n-t-e seguendo le regole del Vaso Policonico): vedremo in seguito quali sono le regole delle Gare.

    Nascita delle Gare, un pò di Storia

    Il campionato nazionale di potatura dell’olivo allevato a vaso policonico “Forbici d’Oro” organizzato dall’ASSAM-Marche, dal CRA-Oli (ora CREA-OFA) e dal Gruppo editoriale Il Sole 24 Ore (ora New Business Media), nato nelle Marche si svolge ora anche in altre Regioni che hanno ritenuto questa iniziativa non una competizione fine a sé stessa ma una opportunità per confrontare la professionalità di potatori provenienti dalle diverse aree olivicole italiane.

Organizazione gare dal 2002, divulgazione Corsi di Formazione dal 1990 a cura di Giorgio Pannelli
Partecipazione delle fortissime donne al Concorso Nazionale

    La manifestazione è nata da un progetto ideato e realizzato dai citati organizzatori (nelle persone di Barbara Alfei - Assam Marche, Giorgio Pannelli - direttore scientifico dei Corsi e delle Gare, leggi currriculum>  oggi direttore della Scuola di Potatura Olivo - e dello scomparso e compianto Antonio Ricci, direttore scientifico di Olio e Olivo, giornalista, agronomo esperto e dirigente di organizzazioni economiche nel settore agricolo) che si sono resi interpreti  della necessità di sensibilizzare, a livello nazionale, quanti operano in olivicoltura.

Nell' anno 2002 vede la luce il primo campionato italiano. Le regole sono semplici e la difficoltà sta nell'applicarle in un tempo definito (10minuti) su tre piante (quindi 30 minuti), vedi sezione Regole di Gara.
E' dato l'accesso ai Campionati organizzati nella propria regione a tutti i partecipanti che hanno frequentato un Corso Base (meglio se hanno praticato almeno un anno in oliveti); i più bravi andrano avanti verso il Campionato Nazionale.

Premiazione Campione Italiano

    Nelle diverse edizioni del campionato si è instaurato un confronto fra olivicoltori e tecnici per affermare e divulgare i principi fondamentali che devono essere adottati per una equilibrata potatura delle piante. Una opportunità che si rinnova da sedici anni e che ha assunto, e tutt'ora assume, un ruolo di momento catalizzatore per affinare ulteriormente la tecnica della potatura.


I finalisti dei ogni regione competono al Concorso Nazionale: qui i finalisti di un concorso

    Regole di Gara

a) Ogni partecipante al Campionato dovrà dotarsi di attrezzatura propria per l’esecuzione dei tagli.
b) È ammessa solo attrezzatura manuale ( forbici, seghetto e svettatoio. Non è permesso l’uso di altra attrezzatura agevolata da dispositivi elettrici, pneumatici o a motore) e la potatura avverrà con operazioni effettuate da terra.

Prova richiesta: potatura di produzione/riforma a Vaso Policonico.
Ogni partecipante dovrà operare su tre piante adulte in un tempo massimo di 30 minuti (10 minuti per pianta).
La prova è valutata da una Giuria presieduta dal Giorgio Pannelli (CRA - OLI, Spoleto), composta da tecnici e giudici della Scuola di Potatura Olivo.

Parametri valutati dalla Giuria sui quali verrà stilata la Classifica finale
                    1. Conformazione della cima (punteggio da 0 a 4)
                    2. Equilibrio tra le branche primarie (punteggio da 0 a 4)
                    3. Numero e disposizione delle branche secondarie (punteggio da 0 a 4)
                    4. Equilibrio vegeto-produttivo (punteggio da 0 a 4)
                    5. Rispondenza alla conformazione ideale (punteggio da 0 a 4)

Punteggio minimo è 36/60, punteggio massimo 60/60.

Se parità di punteggio verrà considerato il fattore tempo.

    Il campionato rappresenta un momento di confronto di elevato livello fra "cultori della potatura" che sono arrivati al traguardo finale dopo aver superato le competizioni selettive dei vari campionati regionali che vengono organizzati nella maggior parte delle aree olivicole della penisola e delle isole.
    Una partecipazione, quindi, di elevata professionalità e sempre più agguerrita, che è la testimonianza di un percorso non sempre facile avviato nel 2002 dagli organizzatori con il preciso obiettivo di coinvolgere istituzioni pubbliche e private e categorie professionali nel promuovere iniziative territoriali nei confronti di olivicoltori, tecnici, hobbisti  per trasmettere e divulgare quei principi basilari che devono essere applicati per una corretta pratica della potatura.
    I risultati ottenuti, da ritenere positivi, richiedono però ulteriori azioni rivolte a divulgare "l’arte della potatura" con l’istituzione di corsi la cui didattica teorica e pratica deve avere una sua continuità nel tempo e non limitata al solo periodo formativo.

    Ecco perché la Scuola offre un iter formativo serio articolato in tre punti: a) partecipazione al Corso Base (che da accesso alla Gara di Potatura). Partecipando anche al b) Corso avanzato (giornate di confronto e di risoluzione di dubbi tra potatori 'esperti') si potrà richiedere gratuitamente e per sempre l'iscrizione all'elenco nazionale dei Potatori certificati. (requisito minimo è c) l'ottenimento di un punteggio minimo di 45/60 ad una gara, vedi sezione dedicata).

Momenti di Gara

Read more...
Subscribe to this RSS feed